I 3 SEGNI DELL’INVECCHIAMENTO CUTANEO

L’invecchiamento è il naturale progressivo rallentamento di tutte le funzioni cellulari. Scopri come riconoscere i segni della pelle che ti dicono a che punto sei.

 

Tutti gli organi e tutti i tessuti sono coinvolti nel processo di invecchiamento, ma solo la pelle ti permette di “vedere” che cosa sta succedendo.

Per questo nei Centri K2 Antiage l’analisi della pelle in chiave anti-età all’inizio del percorso è fondamentale per decidere insieme al cliente i trattamenti estetici più idonei.

Ci sono dei segnali che potremmo considerare come delle vere spie di allarme: prima si interviene, prima si riesce a contrastare l’invecchiamento cutaneo e a rallentare un processo che non può essere evitato.

Le alterazioni che subisce la pelle sono influenzate da alcuni fattori che nel tempo risultano essere le vere cause dell’invecchiamento cutaneo: l’esposizione solare, lo smog, il vento, il fumo e soprattutto l’azione dei radicali liberi, i peggiori nemici da combattere quando si parla di progressivo decadimento fisico e strutturale.

 

I 3 principali effetti di queste alterazioni sono facilmente osservabili:

 

  1. LE MACCHIE

Le macchie della pelle sono il risultato delle alterazioni funzionali dei melanociti, le cellule dell’epidermide deputate alla produzione di melanina.

La melanina è legata al sistema di difesa della pelle, essa ha infatti la capacità di assorbire una parte delle radiazioni solari.

Con l’età la distribuzione di melanina diventa irregolare e si formano degli accumuli localizzati sulle zone della pelle che hanno un minore spessore, ovvero il dorso delle mani e il viso.

2.  IL RILASSAMENTO CUTANEO

Il derma è lo strato della pelle che ha la funzione di sostegno. È costituito da tessuto connettivo denso, fibre di collagene ed elastina e  sostanza fondamentale composta anche di acido ialuronico.

Con l’età lo spessore del derma si assottiglia, la produzione di collagene, di elastina e di acido ialuronico si blocca e progressivamente notiamo uno scollamento dal tessuto connettivo più profondo: in altre parole la pelle inizia a scendere inesorabilmente venendo a mancare la struttura di sostegno.

Il rilassamento cutaneo è uno degli inestetismi più difficili da trattare in estetica, in uno stato avanzato l’unico rimedio potrebbe essere la chirurgia.

3. LE RUGHE

La comparsa delle rughe non è strettamente legata all’invecchiamento della pelle, molti segni che noi abbiamo sul viso sono in realtà causati dai movimenti dei muscoli facciali legati alle nostre espressioni.

La fronte e la zona perioculare sono le zone del viso maggiormente interessate dalle rughe di espressione che potrebbero già comparire dopo i 25 anni.

Rughe, pieghe, solchi e avvallamenti del collo, delle guance  e della cosiddetta zona marionetta,  ovvero il mento e l’area intorno alle labbra, sono invece conseguenza diretta del rilassamento cutaneo e chiaro segnale di un invecchiamento cutaneo già in stato avanzato.

rughe viso

 

Se noti che la tua pelle progressivamente perde tono ed elasticità e sembra che si “stacchi” dagli strati profondi, significa che l’invecchiamento cutaneo è già pienamente in atto.

Esistono dei rimedi e delle strategie che sono in grado di rallentare il processo di invecchiamento cutaneo, attivando in modo naturale processi funzionali di bio-rivitalizzazione delle cellule.

L’attivazione di questi processi utilizzando sistemi biologici e non invasivi supportati scientificamente è la base del metodo dei Centri di Bioestetica K2 specializzati nell’Antiage.

In un prossimo articolo ti spiegheremo quali sono le nostre soluzioni che permettono alla pelle di invecchiare bene e di accompagnare i suoi cambiamenti attenuando i segni del tempo.

 

 

Commenti ( 0 )

    Lascia il tuo commento

    Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con il simbolo * *