I 3 MODI DI ESFOLIARE LA PELLE

Esfoliare la pelle è un gesto indispensabile che ci consente di levigare la superficie dell’epidermide per stimolare la rigenerazione cutanea. Scopri nell’articolo quali sono i 3 metodi che puoi utilizzare.

 

L’autunno è il periodo ideale per esfoliare la pelle ed eliminare cellule senza vita che si sono depositate durante l’estate.

Ora ti spieghiamo il perché.

La pelle possiede un suo sistema di esfoliazione naturale, le lamelle cornee infatti naturalmente si staccano e lasciano la superficie. Lo strato germinativo dell’epidermide è sempre attivo per compensare questa perdita producendo nuove cellule.

Considera la pelle come se fosse uno scudo per il nostro corpo: quando la pelle è soggetta a delle aggressioni esterne questo scudo tende a fortificarsi e, di conseguenza, gli strati superficiali si ispessiscono.

Il sole è uno degli “aggressori” più temuti dalla pelle e l’abbronzatura, dovuta alla produzione di melanina, è il risultato del processo di difesa della pelle da tale aggressione.

Dopo l’estate, quindi, è bene aiutare la pelle a rinnovarsi, permettendo una migliore traspirazione cutanea e un migliore assorbimento dei nutrienti dei cosmetici che applichiamo.

Per esfoliare la pelle si usano per prodotti cosmetici chiamati peeling che svolgono la loro azione in 3 modi diversi:

 

1.

AZIONE MECCANICA

È il metodo per esfoliare la pelle che normalmente si usa a casa.

Si utilizza uno scrub, un prodotto che contiene al suo interno dei microgranuli che massaggiati sulla pelle permettono l’eliminazione delle cellule morte depositate in superficie.

A seconda della natura di questi granuli lo scrub potrebbe essere anche molto aggressivo e sconsigliato per pelli sensibili e sottili.

Sono ottimi per il corpo gli scrub che svolgono l’azione esfoliante con il sale, meglio se associati ad oli vegetali puri per compensazione. Questi prodotti assolutamente no per il viso!

Per il viso evita di usare prodotti così aggressivi; normalmente gli scrub per il viso hanno microgranuli ricavati dai noccioli della frutta e sono polveri molto sottili.

Se hai la pelle sottile e sensibile evita l’azione meccanica o esegui l’esfoliazione non più di una volta al mese.

2.

AZIONE CHIMICA

È il metodo per esfoliare la pelle che normalmente usano l’estetista o il medico.

Si tratta di esfoliare la pelle utilizzando gli acidi della frutta o AHA, i più diffusi sono l’acido glicolico e l’acido mandelico.

Queste sostanze permettono il distacco delle cellule morte depositate sullo strato corneo e a seconda della loro concentrazione nel prodotto riescono ad arrivare anche negli strati più profondi.

L’estetista può utilizzare una concentrazione non superiore al 30%.

La soluzione acida si applica sulla superficie e si lascia in posa generalmente per pochi minuti a seconda del prodotto.

Dopo il risciacquo si applica una soluzione tampone, che abbia cioè la capacità di riportare il ph della pelle nella norma dopo l’acidificazione.

Esistono anche dei prodotti cosmetici che contengono AHA in quantità tollerabile per un’applicazione quotidiana. Sono prodotti schiarenti depigmentanti che progressivamente esfoliano l’epidermide e schiariscono le macchie.

3.

AZIONE ENZIMATICA

I peeling enzimatici sono simili a quelli chimici ma l’azione esfoliante è più delicata.

Alcuni enzimi ricavati dalla buccia della frutta hanno la capacità di esfoliare la pelle: gli enzimi più utilizzati sono la papaina estratta dalla papaia e la bromelina estratta dalla mela.

Tra i prodotti professionali che utilizza l’estetista il peeling enzimatico è particolarmente indicato durante una pulizia viso tradizionale.

L’uso di un peeling enzimatico consente infatti di evitare l’uso del vapore e migliora la strizzatura dei comedoni limitando gli arrossamenti.

È un modo di esfoliare la pelle particolarmente adatto alle pelli sensibili e intolleranti.

Lo consigliamo come peeling domiciliare per il viso da utilizzare una volta ogni 3 settimane.

 

Qualunque sia il modo che scegli per esfoliare la pelle ci sono alcune regole che ti consigliamo di seguire:

  • non utilizzare il peeling o lo scrub tutti i giorni, provocherebbe un ispessimento eccessivo della cute
  • utilizza una crema con filtro solare nel periodo di esfoliazione
  • se hai la pelle sensibile e sottile evita gli scrub meccanici, esegui un peeling enzimatico delicato ogni 28 giorni

Se noti che la tua pelle è opaca e ingrigita hai sicuramente bisogno di esfoliare gli strati superficiali. In questo caso ti può interessare anche  http://blog.k2online.net/come-ridare-luminosita-al-viso-3-mosse/

Può essere molto utile se ci racconti nei commenti come fai ad esfoliare la pelle nella tua beauty routine e i miglioramenti che hai notato.

Commenti ( 0 )

    Lascia il tuo commento

    Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con il simbolo * *